«

»

Jul
07

SOCIAL NETWORK – Report 10/04/2011

SOCIAL NETWORK – Report 10/04/2011 “Condividi” e “connetti” sono le parole del momento su tutte le piattaforme sociali: Facebook, Youtube, Twitter, Foursquare, LinkedIn… Ce ne sono ormai a decine e anche chi aveva delle remore si sta iscrivendo. Tra gli Italiani che vanno su internet, 1 su 2 usa Facebook e il suo fondatore Mark Zuckerberg a 26 anni si è fatto un gruzzolo di 7 miliardi di dollari. Anche Larry Page e Sergey Brin avevano 26 anni quando hanno fondato Google e oggi si son messi da parte 15 miliardi di dollari a testa. E’ una nuova corsa all’oro nel Far West digitale. Milioni di Gigabytes delle nostre informazioni personali scalpitano per uscire dai corral delle fattorie di server californiane. I nostri nomi e cognomi, indirizzi, numero di cellulare, gusti, preferenze sessuali e d’acquisto, vogliono correre liberi nelle praterie della Rete dove i pubblicitari non vedono l’ora di prenderle al lazo e Facebook ha il compito di trattenerli. Ma ci riesce sempre? E Google, cosa sa di noi e cosa se ne fa delle informazioni che raccoglie? Condividere è facile anche su Youtube, dove gli Italiani cliccano i video un miliardo di volte al mese e può succedere che qualcuno condivide la roba tua anche se non te lo saresti mai aspettato. Come si fa a difendersi? E come si evitano le trappole che i criminali allestiscono per derubare gli utenti di Facebook quando cliccano il tasto “mi piace”? Circa 17 milioni di Italiani usano Facebook ogni giorno per comunicare con i loro

    JVZoo Product Feed

25 comments

No ping yet

  1. Enrico CE says:

    Molte cose vere, gli utenti erano 500 milioni, i dati vecchi parlano ora di 850 milioni, cioè in pochi mesi o 1 anno, 350 milioni di persone in più. Ciò che era vero allora, adesso è cambiato, senza detrarre la validità dei concetti e molti fatti. La realtà economica è reale, non una bolla finanziaria o speculazione, i soldi sono veri, perchè i servizi rilasciati anche se partono dalla rete, finiscono davvero nelle persone.

  2. MrRenatus88 says:

    bravi quelli di report… la rai non fa pagare il canone e non fa pubblicità… altro che quei cattivoni di face e google

  3. BaNaNaSiCiLiAnA says:

    Facebook al di là del controllo della nostra privacy ecc…l

  4. 1947waqas says:

    immagina se dici 1 cosa ke nn li piace posso trovarti qualsiasi momento……..

  5. SussBank says:

    Con un Click ti Cancello, con un altro, ti premio (se fai il bravo $chiavo ) ed intanto so’ tutto di te tramite Rete ed ancor meglio, FaceBook ; “taci ,il nemico ci ascolta!” Taci tu, e tacci sua!

  6. SussBank says:

    Regime neROsso Smart Edition for the West Earth ! Con un Click ti Cancello e con un altro ti premio se fai il bravo schiavo del tuo kapo’! Schultz docet !

  7. SussBank says:

    ma senza BARNARD sanno di OpposiZIONe comoda o interna!

  8. againstfecalnetwork says:

    E’ una moda idiota farà il suo corso se questi coglioni si svegliano.

  9. againstfecalnetwork says:

    L’epoca del terrore.

  10. againstfecalnetwork says:

    E’ passata questa paura e adesso Ricomincia ehe>:)

  11. againstfecalnetwork says:

    Beh cominciamo a diffondere varie foto prese da Fecabook in giro nei siti osè e non.:-D

  12. againstfecalnetwork says:

    thomasbz,CrazyWitch,perchè non mettete i vostri dati reali qui,avete paura della realtà,ci date il vostro indirizzo Fecabook,compreso gli altri che hanno fatto la cazzata di iscriversi in quella cloaca di sito.Prima avevano tutti paura ad inserire le proprie foto,a dire il proprio cognome in rete per le donne poi era vietato postare le foto in costume da bagno e non per la paura di postare le foto in un sito porno e adesso queste paure sono finite.

  13. againstfecalnetwork says:

    E poi nel momento in cui la gente perderà meno tempo davanti al pc o a navigare ad internet e combatterà la dipendenza dal pc,Fecabook e altri fecal network falliranno,la gente concentrasse più energie nella realtà e meno sulla rete.Cmq negli uffici statali i fecal network sono stati banditi anche youtube.Strano che da quando esiste la crisi economica queste stronzate spopolano.Spero che i primi ad andarsene siano i vecchiacci compresa la nonna di Crazywitch e quel rincoglionito di thomasbz

  14. againstfecalnetwork says:

    E poi Zuckerberg,mi sembra un demente con quella faccia.
    Ho saputo che questo figlio di puttana è stato minacciato di morte,non mi dispiacerebbe vederlo morto in un lago di sangue:-DI fecal network non sono altro che le vecchie community con i tuoi dati reali,con qualche piccola modifica.Niente di nuovo intanto questo figlio di puttana si è fatto i migliori miliardi alla faccia dei coglioni che lo seguono,ammesso e concesso che siano effettivamente quasi un miliardo i suoi utenti. Bleah FEcabook

  15. againstfecalnetwork says:

    E poi la Rai fa questi servizi pseudocritici e poi ogni giorno pubblicizza Fecabook con Tg,programmi ecc ecc.
    Lo stesso dicasi ogni canale,internet critica la tv e la tv pubblicizza fecabook e internet.

  16. againstfecalnetwork says:

    SVEGLIATEVI!!!!!
    LA PRIVACY E’ IMPORTANTISSIMA.
    Sono contento di comunicarvi poi che questa stronzata in Canada,Usa e getta e Russia ha perso ben 6-7 milioni di utenti.
    USCITE DI CASA E GODETEVI LA VITA e se avete commesso l’errore madornale di iscrivervi a Fecabook,shitter o Google plus cancellatevi che è meglio.:-D
    Direbbe Quattrocchi.:-D

  17. againstfecalnetwork says:

    Noi contro questo colosso che viene foraggiato dalla Goldman Sachs,banca che finanzia le guerre nel mondo,possiamo fare ben poco.
    Tentare non nuoce,potremmo fondare un gruppo yahoo che faccia aprire gli occhi alle persone…mah
    @CrazyWitch11,tua nonna dovrebbe maturare un po’
    thomasbz si mi raccomando ti raccomando di perdere la tua vita intera vicino a sta cazzata,ma l’ebreo Zuckerberg con tutti i soldi che ha non si potrebbe fare una plastica facciale???

  18. againstfecalnetwork says:

    Ma quando ci liberemo dei Fecal Network?
    I coglioni che seguono questa grande cazzata,si dice che Fecabook e Shitter vengono continuamente spiati dalla CIA E FBI,sono ancora tanti e il popolo di pecore non ancora capisce l’inutilità di ‘ste cazzate megagalattiche,ma quando si sveglierà la gente?
    E da 2-3 anni che ci stanno sfasciando i coglioni con Fecabook…è stata la tv di merda che lo ha pubblicizzato e le pecore lo hanno seguito.
    Altri 2-3 anni è stancherà tutti?

  19. masticci says:

    andate a fare in culo popolo ebete di facebook…coglioni..poi vi lamentate se avete le corna..

  20. lowhel says:

    Di giovane, brillante e creativo in gente che fa soldi raggruppando e vendendo i tuoi “orientamenti d’acquisto” ad aziende interessate io ci vedo ben poco… ah si forse gli ambienti colorati delle sedi aziendali…un elogio agli architetti d’interni forse era più appropriato.

  21. lucignolo1981 says:

    guarda che in Cina youtube e facebook sono bloccati dal governo. non funzionano se non con un proxy, VPN, ecc..

  22. Bullroad says:

    non riesco a scrivere quello che vorrei ,

  23. Bullroad says:

    cia

  24. paskoski86 says:

    ma infatti l’ha detto.ha dato i consigli dopo il servizio per una password sicura e ha raccomandato prudenza.poi quando parlavano della raccolta fondi per la chiesa ha sottolineato la positività dello strumento.come ogni strumento,la sua bontà dipende da chi lo usa e come lo usa(vedi persone antiberlusconiane con account chiuso probabilmente per tenersi buono il governo).Essendo una spa facebook come google per non perdere mercati si adattano.come per esempio in cina…

  25. superskunk85 says:

    E’ proprio quello che ho detto, il servizio invece di sottolineare questo, insinuava che in qualche modo il problema fosse potuto dipendere dal servizio di google e non dalla disinvoltura o “leggerezza” dell’utente. Sul discorso della semplificazione sono d’accordissimo, ma perlomeno i giornalisti dovrebbero conoscere almeno un pò meglio della maggioranza l’argomento che trattano. Semplificare non vuol dire “semplicisticare”

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>